Polignano a Mare

polignano-a-mare

Per godere del suggestivo e peculiare profilo del nucleo antico di Polignano a mare, piccola città mediterranea, sarebbe opportuno regalarsi un giro in barca: la scorgerai appollaiata sull’altissima scogliera, che qua e là intervallate da insenature e grotte. Da un lato l’alta scogliera proteggeva la città, funzione in parte assolta anche dalle poderose mura. Resti di queste sono visibili in p.zza Garibaldi osservando il palazzo Marchesale, che le ha incorporate.

Dall’Arco Marchesale si entra nel centro storico il quale ti offrirà tante bellezze culturali da scoprire. Primo fra tutti il già citato palazzo Marchesale, ex dimora dei feudatari. Dopo aver visitato la bella chiesa barocca del Purgatorio potrai recarti in piazza V. Emanuele, dove i simboli architettonici degli antichi poteri temporale e religioso insieme, rappresentano sempre la città: il palazzo dell’Orologio, un tempo l’Università (il Municipio) e la chiesa Madre ed ex-cattedrale. La misurata facciata è chiaramente romanica, ma presenta un portale decorato nel 1628, su cui si contraddistingue un bassorilievo con la Vergine. Da qui, seguendo percorsi vari e sottopassaggi con archi e piccole strade, si giunge agli affacci, talvolta a strapiombo sul mare, quel mare da cui son giunti popoli sin da epoche remote, conquistatori e mercanti.

Rinomata in queste terre la produzione della patata e della carota gialla, quest’ultima valorizzata da un Presidio Slow Food. Di notevole interesse naturalistico sono anche le sue grotte marine. Tra questi ultimi il ponte della via Traiana, tuttora percorribile, che attraversa Lama Monachile. Ricordiamo che Polignano a Mare ha ricevuto spesso la Bandiera Blu, riconoscimento conferito dalla Foundation for Environmental Education alle località costiere europee che soddisfano criteri di qualità relativi a parametri delle acque. Ma prima di lasciare la splendida cittadina che ha dato i natali al celebre cantante, Domenico Modugno, non perdetevi una visita al museo dedicato al grande artisti qui nato, Pino Pascali, e all’abbazia di S. Vito, che sorge a 3 km dal centro. Su di un piccolo porto naturale scorgerai la bellezza di un complesso straordinario esempio di architettura monastica e di rilevante importanza storica.